SERVIZI ALLA PERSONA

 

SEGRETARIATO SOCIALE

Il segretariato sociale è una funzione dell’assistente sociale comunale che può offrire consulenza specifica e informazioni, in particolare in relazione ai servizi presenti sul territorio e che riguardano le seguenti aree:

  • Area minori, giovani e famiglie
  • Area anziani
  • Area disabili ed invalidi civili
  • Area emarginazione, nuove povertà ed immigrazione straniera.

L’assistente sociale riceve, presso l’ufficio servizi sociali, il martedì dalle ore 09.00 alle ore 12.00, il giovedì dalle ore 09.30 alle ore 12.00 e dalle 14.30 alle 16.00. Telefono 035.4816026.

 

SERVIZI SOCIALI per Anziani

SAD ( Assistenza domiciliare)

A chi si rivolge?

Il servizio si rivolge prevalentemente ad anziani e disabili, sia non autosufficienti che parzialmente autosufficienti. Consiste in una serie di prestazioni a domicilio finalizzate ad aiutare e sostenere la persona, un aiuto concreto per l’igiene, per rapporti con l’esterno, per la cura dell’ambiente in cui vive. Il servizio funziona dal lunedì al venerdì.

Dove si richiede?

Per accedere al servizio occorre rivolgersi all’Assistente Sociale del Comune che, sulla base dei bisogni accertati, attiva i relativi percorsi richiedendo la seguente documentazione:

  • l’autocertificazione per la situazione anagrafica e reddito percepito.
  • Ogni altra documentazione ritenuta utile alla valutazione del bisogno.

Il Servizio può prevedere la parziale o totale contribuzione al costo, sulla base delle fasce di reddito del richiedente e dei familiari conviventi, tenuto conto del calcolo ISEE (conosciuto come “riccometro”, è un valore numerico che rappresenta la situazione economica del nucleo familiare).

Chi sono gli operatori domiciliari?

Nel settore operano n° 2 Ausiliarie Socio-Assistenziali (ASA), dipendenti contrattualmente da una Cooperativa sociale, ma che a livello tecnico ed operativo fanno riferimento alle indicazioni dell’Assistente Sociale.

Ambulatorio infermieristico

A chi rivolge?

Il servizio è rivolto di norma ad un’utenza anziana.

Chi vi opera?

Un’infermiera professionale che eroga prestazioni di monitoraggio: pressione, glicemia, colesterolo; inoltre effettua medicazioni ambulatoriali ed iniezioni intramuscolo.

Dove si trova?

Il Servizio è aperto presso gli ambulatori medici comunali di Brembate, Via Oratorio n. 4, nei seguenti giorni ed orari: lunedì-mercoledì-venerdì dalle 9:00 alle 10:00 e nella frazione di Grignano, in Via Montegrappa: mercoledì, dalle 10:15 alle 11:15.

Costi?

Le prestazioni sono soggette a pagamento di un ticket.

Prenotazioni visite specialistiche

Il Comune di Brembate si è convenzionato con i Policlinici San Marco di Zingonia e San Pietro di Ponte S. Pietro, per dare la possibilità di prenotare analisi e visite specialistiche rivolgendosi agli uffici comunali. Per informazioni rivolgersi agli uffici anagrafe e protocollo negli orari di apertura al pubblico.

Assistenza domicialiare integrata e ricoveri di sollievo

Assistenza domicialiare integrata

A chi si rivolge?

L’assistenza domiciliare integrata è un servizio rivolto ai cittadini non autosufficienti e consiste nell’erogazione al domicilio di prestazioni socio-sanitarie, mediche ed infermieristiche.

Chi la eroga?

La competenza del servizio è dell’ASL. L’Ammissione al servizio e la tipologia delle prestazioni da fornire è stabilita dal nucleo di valutazione geriatrico presso l’ASL che decide, oltre alla tipologia, anche la frequenza delle prestazioni. La richiesta può essere attivata dal medico curante o da un presidio Ospedaliero presso il quale il paziente è temporaneamente ricoverato.

Ricoveri di sollievo e di pronto intervento

A chi si rivolgono?

E’ un servizio a sostegno della famiglia nei compiti di cura e di assistenza dell’ammalato ultrasessantacinquenne. E’ possibile il ricovero presso strutture convenzionate presenti sul territorio: R.S.A. di Ponte S. Pietro, Villa d’Adda, Capriate S. Gervasio e Brembate di Sopra (min. 15 gg. e max 60 gg.).

Chi li eroga?

L’Azienda speciale consortile convenzionata con le 4 case di riposo dell’Ambito Isola Bergamasca e Bassa Val S. Martino. Per informazioni e compilazioni dei moduli di richiesta rivolgersi al servizio sociale comunale.

Buono sociale per anziani

Che cosa è?

il Buono Sociale per Anziani costituisce un supporto economico per le famiglie finalizzato al mantenimento dell’anziano presso il proprio domicilio. Lo stesso è erogato dall’Azienda speciale consortile, secondo quanto previsto dal Piano di Zona del Distretto dell’Isola Bergamasca e Bassa Val San Martino. Il valore è stabilito annualmente dall’Assemblea dei Sindaci e viene assegnato sulla base di una graduatoria sovra-comunale, sino ad esaurimento dei fondi stanziati.

Come si accede?

  • 1. Per ottenere il buono, le persone interessate devono partecipare ad un bando indetto annualmente a livello sovra-comunale
  • 2. Le domande, per i residenti nel nostro Comune, devono essere presentate presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Brembate. L’accesso alla graduatoria è determinato da un punteggio assegnato a seguito di valutazione socio-assistenziale ed economica.
  • 3. I requisiti di ammissione sono disciplinati da un Regolamento sovra-comunale con il quale si è stabilito che i destinatari sono tutti i cittadini residenti nell’Ambito distrettuale in possesso di specifici requisiti. 4. L’erogazione è accompagnata dalla definizione di un progetto individuale assistenziale concordato con il servizio sociale.

Trasporto sociale

Chi effettua il Servizio?

Il servizio è fornito da un’Associazione di Volontari Onlus, convenzionata con il Comune, che, con l’ausilio di automezzi comunali e non, organizza il trasporto di persone anziane, prioritariamente sole, disabili e minori, presso i centri sanitari specialistici della provincia per:

  • Visite specialistiche
  • Prestazioni riabilitative
  • Terapie (chemioterapia, dialisi ecc.)
  • Appuntamenti o ritiro referti

Dove si trova l’Associazione?

Ha sede presso l’Assessorato ai Servizi Sociali nella Piazzetta del Donatore a Brembate, recapito telefonico n° 035/801018.

Quanto costa?

Il servizio è a pagamento di un ticket a seconda della destinazione. In particolari casi accertati dall’Assistente Sociale Comunale, l’utente potrà essere esentato dal pagamento.

Trasporto terme

Il Servizio Sociale organizza, nel mese di maggio, il trasporto giornaliero alla Terme di Trescore Balneario, previo accordo con le Terme stesse. Il servizio ha una durata di 12 giorni; il costo è a carico dell’utente, ed è in funzione al numero degli aderenti.

Pasti caldi a domicilio

A chi è rivolto?

Ad un’utenza anziana in difficoltà socio-domestica.

Dove fare la domanda?

Presso l’Ufficio Servizi Sociali, comunicando il nominativo dell’interessato.

Da chi č fornito il servizio?

Il Servizio è fornito da una Ditta che ha in gestione il servizio di refezione scolastica. I pasti sono di norma prodotti presso la cucina della scuola di Brembate. Il servizio è attivo dal Lunedì al Venerdì, escluso il periodo natalizio.

Costo?

Il costo del pasto è a carico dell’Utente.

 

SERVIZI SOCIALI per Minori e Giovani

Tutela minori

Di che cosa si occupa?

Il Servizio di Tutela Minori si occupa della diagnosi e del trattamento psico-socioeducativo di minori in situazioni di disagio, trascuratezza, maltrattamento, abuso.

A chi ci si deve rivolgere?

Ci si rivolge al Servizio Sociale, nella figura dell’Assistente Sociale, per segnalare situazioni di grave disagio a carico di minori e per attivare interventi di protezione e di cura del minore o della famiglia. Il servizio è gestito in equipe dall’Assistente sociale comunale, in primis, e da una psicologa dell’ASL . Per situazioni particolari la tutela può essere affidata all’equipe sovra-comunale gestita dall’Azienda Speciale Consortile.

Chi puň segnalare?

I genitori con figli minorenni, il Tribunale per i Minori, tutte le Istituzioni scolastiche del territorio e qualsiasi cittadino che sia a conoscenza di situazioni di grave pregiudizio per i minorenni.

Affidi

Presso l’ufficio tutela minori dell’Azienda Speciale Consortile con sede a Bonate Sotto funziona il servizio affidi gestito da un’equipe composta da psicologo e assistente sociale. Per informazioni rivolgersi al servizio sociale.

Assistenza domiciliare minori

Che cosa č?

Il Servizio di Assistenza Domiciliare per minori è un servizio di tipo educativo; ha l’obiettivo di offrire sostegno ai nuclei familiari in difficoltà e di attivare le potenzialità e le risorse presenti nel nucleo stesso. L’intervento intende prestare attenzione allo sviluppo della personalità del minore, mirare alla evoluzione del nucleo familiare in difficoltà e al raggiungimento di una adeguata autonomia dei genitori nello svolgimento dei compiti educativi verso i figli.

A chi č destinato?

I destinatari di questo intervento sono minori che vivono in famiglie con gravi problematiche sociali, relazionali, culturali, insieme a famigliari non in grado di rispondere ai bisogni affettivi ed educativi per la loro crescita. La durata dell’intervento è variabile, secondo i bisogni relativi ed il progetto concordato.

A chi bisogna rivolgersi?

Il servizio di Assistenza Domiciliare Minori è un servizio sovra-comunale che viene attivato dal Servizio Sociale del Comune, a cui è necessario rivolgersi, avvalendosi della consulenza e valutazione dell’Ufficio Tutela Minori dell’Azienda Speciale Consortile dell’ Isola Bergamasca e Bassa Val San Martino.

Centro di Aggregazione Giovanile

Dove si trova e a chi è rivolto?

E’ situato presso l’Assessorato ai Servizi Sociali in via Oratorio n. 4 ed è uno spazio con libero accesso, riservato ai ragazzi/e dagli 11 ai 18 anni. È un posto dove passare del tempo in compagnia di coetanei e di due operatori qualificati. Si fanno cose diverse, tendenzialmente programmate: si parla, si gioca, si fanno laboratori creativi, si ascolta musica, si organizzano gite, corsi ed attività sportive, in alcuni casi si aiutano i ragazzi a fare i compiti. Il C.A.G. è un posto dove le ragazze ed i ragazzi, se vogliono, non sono soli, ma trovano degli adulti disponibili ad ascoltarli ed a guidarli.

Da chi č gestito?

Da una Cooperativa specializzata nel settore che opera tramite n° 2 Educatori Professionali, sotto la responsabilità dell’Assistente Sociale Comunale. E’ uno spazio che si fonda su regole di accesso, di uso degli spazi e rispetto di ogni singola individualità.

ORARI DI APERTURA:

  • lunedì (adolescenti) 16,30-19, 00
  • martedì (Pre-adolescenti) 15,00-17,00 e (Adolescenti)17,00-19,00
  • mercoledì chiusura
  • giovedì (pre-adolescenti) 15,00-17,00 e (Adolescenti)17,00-19,00
  • venerdì (adolescenti) 16,30-19,00

Assegno di maternitŕ

Cosa è e da chi viene erogato?

L’assegno di maternità è un contributo economico erogato dallo Stato per aiutare le madri italiane, le cittadine comunitarie e le extracomunitarie in possesso di regolare carta di soggiorno, che non beneficiano di tutela previdenziale e che hanno un reddito familiare che rientra nei limiti fissati annualmente dalla legge. Il contributo è erogato direttamente dall’INPS, in un'unica soluzione, per un periodo di 5 mesi dalla nascita del figlio.

Quando deve essere richiesto?

Entro e non oltre 6 mesi dalla nascita.

Dove si presenta la domanda?

La domanda dovrà essere inoltrata dalla madre al Protocollo del Comune di residenza. La domanda dovrà essere corredata di idonea certificazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) in corso di validità, rilasciata da un CAAF (Centro Autorizzato Assistenza Fiscale) o dall’Ufficio preposto del Comune di residenza.

Assegno a nuclei familiari con tre figli minori

Cosa è e da chi viene erogato?

E’ un contributo economico erogato dallo Stato alle famiglie con tre o più figli minorenni che hanno un reddito familiare che rientra nei limiti fissati annualmente dalla legge. Il contributo è corrisposto per 13 mensilità, direttamente dall’INPS, durante l’intero anno di competenza e fino al 31 gennaio dell’anno successivo (data entro la quale deve essere inoltrata la domanda).

Quando deve essere richiesto?

La richiesta deve essere presentata entro il 31 gennaio dell’anno successivo per il quale è richiesto il contributo stesso.

Dove di presenta la domanda?

La domanda dovrà essere inoltrata al Protocollo del Comune di residenza è dovrà essere corredata con idonea certificazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente), rilasciata da un CAAF (Centro Autorizzato Assistenza Fiscale) o dall’Ufficio preposto del Comune di residenza.

Buono natalitŕ e fragilitŕ sociale

Cosa è?

E’ una provvidenza economica erogata con i fondi del “Piano di Zona”, mirata a sostenere i nuclei familiari in condizioni di fragilità economica e sociale.

Come si accede?

  • 1. Per ottenere il buono, le famiglie interessate devono partecipare ad un bando indetto annualmente a livello sovra-comunale.
  • 2. Le domande, per i residenti nel nostro Comune, devono essere presentate presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Brembate. L’accesso alla graduatoria è determinato da un punteggio assegnato a seguito di valutazione socio-assistenziale ed economica.
  • 3. I requisiti di ammissione sono disciplinati da un Regolamento sovra-comunale con il quale si è stabilito che i destinatari sono tutte le famiglie residenti nell’Ambito distrettuale in possesso di specifici requisiti. 4. L’erogazione è accompagnata dalla definizione di un progetto individuale assistenziale concordato con il servizio sociale.

 

SERVIZI SOCIALI - Area disabilitŕ

Centro Socio Educativo (CSE)

Dove si trova?

E’ ubicato a Brembate in via Patrioti (ex biblioteca civica).

A chi si rivolge?

E’ un servizio che si rivolge a soggetti portatori di handicap medio-grave, ma con potenzialità interattivo-comunicative e di gestione di sé tali da poter instaurare sufficienti livelli di autonomia relazionale, rispetto al proprio ambiente.

Assistenza

Assistenza educativa scolastica

L’Amministrazione Comunale assicura agli alunni portatori d’handicap residenti (debitamente certificati dalla Neuro-psichiatria infantile dell’Azienda Ospedaliera di Treviglio; sede di riferimento a Bonate Sotto) frequentanti la scuola dell’obbligo, l’assistenza “ad personam” necessaria a garantire l’inserimento ed integrazione scolastica degli stessi. Il servizio è gratuito. Per informazioni rivolgersi al servizio sociale.

Assistenza ai C.R.E.

L’Amministrazione Comunale inoltre assicura agli alunni portatori d’handicap residenti e certificati, frequentanti la scuola dell’obbligo, l’assistenza “ad personam” necessaria a garantire la partecipazione ai CRE organizzati dalle Parrocchie. Il servizio è gratuito. Per informazioni rivolgersi al servizio sociale.

Riconoscimento d'invalidità civile ed eventuali benefici

Che cosa è?

Per invalidità civile si intende una condizione di salute che comporta una riduzione significativa della capacità lavorative, motorie e/o psichiche. Il riconoscimento dell’invalidità civile permette di accedere ad alcune agevolazioni e benefici, anche economici.

Dove viene fatta la richiesta?

La richiesta di riconoscimento va presentata all’Ufficio Invalidi dell’ASL di Ponte S.Pietro, in via Caironi, 2. Al modulo per la richiesta, disponibile anche presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune, occorre allegare un certificato medico (che viene rilasciato dal medico di famiglia o dal medico specialista). La Commissione medica dell’ASL valuta la situazione sanitaria del richiedente e successivamente invia il verbale con la risposta all’interessato.

I benefici:

  • assegni mensili per inabilità
  • pensioni d’invalidità
  • indennità di accompagnamento
  • altri benefici (esenzione ticket, utilizzo di ausili sanitari, benefici ex legge 104)

Servizi sovra-comunali

Questi Servizi sono gestiti dall’Azienda Speciale Consortile Isola Bergamasca e Bassa Val S. Martino. Per informazioni rivolgersi al servizio sociale comunale.

1. S.I.L. (Servizio d’Inserimento Lavorativo).Che cosa è?

E’ un Servizio di Inserimento Lavorativo per favorire l’accesso agli ambiti professionali ordinari e protetti di soggetti invalidi o socialmente svantaggiati.

2. A.D.H. (Assistenza Domiciliare Handicap). Che cosa è?

E’ un servizio rivolto alle famiglie con minori disabili di età compresa fra i 3 e 18 anni, in possesso di certificazione rilasciata dal servizio di neuropsichiatria infantile. Consiste in un percorso educativo fuori dall’orario scolastico, svolto dall’educatore, con il minore all’interno della casa o in spazi ricreativi. A carico della famiglia è prevista una quota di compartecipazione alle spese in funzione del reddito ISEE.

3. Spazio autismo. Che cosa è?

E’ un’attività di consulenza offerta alla scuola, alla famiglia e alle realtà in cui vive il soggetto affetto da autismo. L’intervento prevede un approccio di tipo educativo, pedagogico e relazionale effettuato da personale specializzato, ed è gratuito.

4. Progetti “Sollievo”.Che cosa sono?

I progetti assicurano la possibilità di usufruire di interventi assistenziali e ricreativi rivolti alla persona diversamente abile, finalizzati ad un sostegno alla famiglia (vacanze assistite, ore di sollievo, ricoveri di sollievo, etc…).

SERVIZI SOCIALI - Area nuove povertà e disagio sociale

Contributi di assistenza economica

Che cos’è?

E’ un intervento di assistenza economica per la famiglia o per le persone singole. Si attiva quando non vi sono risorse sufficienti a garantire il soddisfacimento dei bisogni fondamentali o in presenza di occasionali situazioni di emergenza.

A chi ci si rivolge?

Si rivolge alle persone in difficoltà economica. L’Assistente Sociale valuta attentamente la situazione socio-economica del nucleo familiare (ISEE) e determina, ove ne sussistano i requisiti, ed in base ad un Regolamento Comunale e alle disponibilità di bilancio, l’entità del Contributo.

Chi può accedere?

Tutti i cittadini residenti nel Comune di Brembate in grave disagio socio-economico.

Come?

Presentando domanda all’Ufficio Servizi Sociali, corredata da certificazione ISEE, rilasciata dall’INPS o CAAF o dagli stessi Servizi Sociali.

Assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica

A chi ci si rivolge?

Il servizio si rivolge ai residenti e a coloro che prestano la propria attività lavorativa esclusiva o principale nel Comune. Il servizio, in collaborazione con l’ALER di Bergamo, raccoglie e rielabora le domande pervenute sulla base del bando e del regolamento regionale, redigendo una graduatoria sulla base di numerosi parametri (nucleo familiare, condizione abitativa inidonea, reddito etc…) da cui verranno attinti i nominativi dei nuclei familiari che potranno accedere all’assegnazione di eventuali alloggi che potranno rendersi disponibili.

Dove reperire informazioni?

Il bando viene indetto annualmente e per accedere al servizio occorre rivolgersi all’incaricato dell’ALER che sarà disponibile presso il Municipio in alcune date prestabilite. Ulteriori informazioni potranno essere rilasciate dall’ufficio segreteria del Comune.

Sportello affitti

Che cosa è?

Per aiutare i cittadini in particolari difficoltà economiche nel sostenere la spesa dell’affitto, è stato istituito a livello regionale il Fondo Sostegno Affitti, finanziato in parte con contributi statali e in parte con contributi regionali e comunali.

Chi può fare domanda?

Possono far domanda di contributo i titolari di contratto di locazione, i cui nuclei familiari, alla data di presentazione della domanda, presentino i requisiti previsti annualmente dal bando approvato dalla Regione Lombardia. Il calcolo del contributo è basato sul principio che il canone di locazione a carico del nucleo familiare non debba superare un "affitto massimo sopportabile", definito tenendo conto della composizione del nucleo stesso, della relativa situazione economica e dell'ammontare del canone di locazione annuo.

Chi lo eroga?

Il contributo viene erogato dall’Amministrazione comunale a seguito dell’approvazione della graduatoria formulata secondo le indicazioni della Regione Lombardia.

A chi bisogna rivolgersi?

Ai CAAF territoriali od agli Uffici Comunali, nei periodi di emissione del bando Regionale.